Notizie

SentieroDellaBonifica.com

06/04/2020 - Fonte Notizia: FIAB Onlus

FIAB al Governo: ciclofficine e ciclisti non devono chiudere. Sono attività necessarie

Per responsabilità verso la collettività prima ancora che per legge, siamo stati chiari fin da subito che le passeggiate in bici non fanno eccezione: si esce soltanto quando necessario per lavoro o per fare la spesa, a prescindere dal mezzo. Proprio per questo, però, i negozi dei ciclisti e le ciclofficine devono essere considerate attività essenziali per la collettività e, dunque, rimanere aperti per far fronte all’esigenza di chi usa la bicicletta per andare a lavorare o fare la spesa.

La Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta ha rivolto questo messaggio al Governo Conte, spedendo una comunicazione ufficiale in cui appoggia la richiesta fatta dall’ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori): «ciclo officine e riparatori di biciclette (come individuate dal codice ATECO 95.29.02)» devono rientrare «tra le attività necessarie che possono rimanere aperte in questi giorni esattamente come i meccanici riparatori di auto e motociclette».